Indice del forum



Il Forum di Storie

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Natale in bus
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Io scrivo così, e tu?
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
gwenog








Registrato: 21/05/07 13:39
Messaggi: 736
gwenog is offline 

Località: Genova
Interessi: Cinema, lettura, teatro, sudoku



MessaggioInviato: Ven Dic 18, 2009 9:20 pm    Oggetto:  Natale in bus
Descrizione:
Rispondi citando

Tutto avrei immaginato di fare, nella vita, ma non di occupare un autobus.
Nevica, e quando nevica Genova si blocca. Completamente. Come se ci fosse un dispositivo che al primo fiocco di neve manda in tilt tutti i servizi della città: aeroporto chiuso - ovvio - e azienda dei trasporti nel caos.
Alle 15, scivolando un passo sì e uno no, mi dirigo al capolinea dell'autobus intorno a cui ruota da sempre la mia vita: il 17 - non ridete.
Da una mezz'oretta la neve cade con più insistenza, ma non mi sembra che la situazione sia tragica. Sono carica di sacchetti. Grazie a dio, non ci sono regali, altrimenti sarebbero già zuppi. In compenso, ho la spesa per i prossimi giorni, due pandori e un tritatutto - puoi cercare di fare il vitello tonnato per le feste quando ti sei appena ricordata di aver fuso quello vecchio prima del trasloco...
La fermata è già strapiena, il che mi fa ben sperare, mi dico che arriverà presto. Una signora si sta lamentando al cellulare: l'autisto del mezzo su cui erano li ha scaricati al capolinea perché ai mezzi lunghi non è permesso circolare. Il 17 è un autobus "doppio" - tranne nei momenti di maggiore necessità in cui diventa piccino picciò. La neve è il momento di necessità per antonomasia a Genova: l'amt sta richiamando in deposito i bus doppi per sostituirli coi mezzi piccoli muniti di catene.
Dobbiamo solo aspettare.
Nell'ora seguente, passano davanti ai nostri nasi rossi e intirizziti due 31, quattro 42 e cinque 15. Per quanto congelate, a tutti cominciano a girare vorticosamente le palle. La parte superiore della scatola del tritatutto è completamente zuppa: se non muoio per assideramento, resterò sicuramente attaccata alla presa della cucina.
Scorgiamo in lontananza un 17, ma il fatto che sia doppio non promette nulla di buono. Non sento più i piedi, ma mi illudo di trovare un po' di calore sul mezzo. Le porte si aprono, tutti ci lanciamo sull'autobus dalla disperazione per scoprire ciò che cercavamo di ignorare: stessa trafila, dobbiamo scendere tutti perché un bus doppio non può circolare con la neve. E allora noi occupiamo l'autobus: mi spiace, caro autista belloccio che incontro con piacere per la seconda volta su questa linea, ma non ci muoviamo.
Per alcuni minuti, siamo tutti presi dall'orgoglio di chi lotta per un principio, dal cameratismo che si instaura nella classica situazione mal-comune-mezzo-gaudio.
Molte donne cominciano a urlare - ma in fondo gli autisti non hanno colpa della scellerata gestione centrale - e una ragazza informa tutti i presenti che a bordo c'è un disabile in carrozzina: mi volto e vedo questo signore dal sorriso tranquillo, con la cintura di sicurezza ancora allacciata al supporto per sedie a rotelle. E' certamente nella posizione più precaria, eppure è l'unico a non essere fuori di sé.
Non so quanto tempo passi, perché ho i gomiti lussati per i sacchetti e non riesco a guardare l'orologio e devo costantemente ballare il tip tap per non congelarmi. Un ragazzo mi chiede permesso per timbrare il biglietto e io gli dico non credo che ti convenga.
Perché, non parte?
No, e gli racconto la storiella dei bus doppi e della neve bla bla bla.
Io sono uno studente piemontese - mi piace come lo dice, con quel tono che si ha quando si è colti dall'istinto di raccontarsi a degli estranei - e da noi quando la neve è così, quando non attecchisce nemmeno, non ci si preoccupa affatto.
Mi piacerebbe spiegargli che la nostra città non è preparata per la neve, che nonostante si verifichino raramente giornate del genere il comune non fa nulla per attuare un piano di emergenza per evitare follie come questa, per non parlare della gente nelle alture che sarà bloccata in salita e in discesa... ma arriva il 17 piccolo.
Finito il cameratismo.
Ci lanciamo tutti, spinti dallo spirito di autoconservazione. Trovo persino un posto a sedere, cerco di sistemare i sacchetti in modo che non diano troppo fastidio al mio prossimo, ma questo benedetto tritatutto non fa che falciare polpacci estranei. Forse è meglio star ferma, così come sono, saranno gli altri a scansarmi. A parte la poveretta seduta di fronte a me, che come si sposta di un millimetro cozza contro uno dei pandori.
Si parte.
In giorni normali, questo tragitto si fa comodamente in 15-20 minuti.
Non so quanto sia durato il viaggio in sé, ma quando entro in casa e colta dai primi brividi per lo sbalzo di temperatura riesco a sollevare il polso sinistro, l'orologio mi comunica che sono le 17.35.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Adv



MessaggioInviato: Ven Dic 18, 2009 9:20 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Maigret








Registrato: 15/07/06 23:22
Messaggi: 534
Maigret is offline 

Località: Roma




MessaggioInviato: Sab Dic 19, 2009 2:33 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

se ti può consolare a Roma non nevica ma la situazione del trasporto pubblico non è molto diversa
dopo 15 anni di ecologismo radicale ho ripreso la vecchia citroen ax di mio padre immatricolata nel 1991
basta! Atac non avrai il mio scalpo

_________________
Quando avevamo tutte le risposte ci hanno cambiato le domande
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
gwenog








Registrato: 21/05/07 13:39
Messaggi: 736
gwenog is offline 

Località: Genova
Interessi: Cinema, lettura, teatro, sudoku



MessaggioInviato: Sab Dic 19, 2009 4:02 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Caro commissario,
come ti capisco... io ho pure l'abbonamento annuale degli autobus!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Io scrivo così, e tu? Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





 topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008