Oggi ho letto che... - Saramago

catia - Lun Mar 23, 2009 11:36 pm
Oggetto: Saramago
Per chi ama Saramago, una buona notizia
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Maigret - Mar Mar 24, 2009 12:41 pm
Oggetto:
grazie, davvero interessante Wink
catia - Lun Giu 21, 2010 10:10 pm
Oggetto:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Se Cicerone vivesse ancora tra voi, italiani, non direbbe: “Fino a quando, Catilina, abuserai della nostra pazienza?”, ma piuttosto:“Fino a quando, Berlusconi, attenterai contro la nostra democrazia?”. Si tratta di questo. Con la sua particolarissima opinione sulla ragione d’essere e il significato dell’istituzione democratica, Berlusconi ha trasformato in pochi anni l’Italia nell’ombra grottesca di un Paese e una grande parte degli italiani in una moltitudine di burattini che lo seguono trascinandosi e senza rendersi conto di camminare verso l’abisso della dimissione civica definitiva, verso il discredito internazionale, verso il ridicolo assoluto.

Con la sua storia, la sua cultura, la sua innegabile grandezza, l’Italia non merita il destino che Berlusconi ha tracciato con cinica freddezza e senza la minima traccia di pudore politico, senza il più elementare senso di vergogna per se stesso. Mi piace pensare che la gigantesca manifestazione di oggi contro la “cosa” Berlusconi, durante la quale verranno lette queste parole, si trasformerà nel primo passo verso la libertà e la rigenerazione dell’Italia. Per fare questo non sono necessarie armi, bastano i voti. Ripongo in voi tutta la mia speranza.


Per interventi come questo, Einaudi rifiutò di pubblicare il libro tratto dal blog di Saramago.
Azione ridicola, oltre che vile: come se un libro potesse reggere il confronto con la rete, in un paese dove nessuno legge e tutti si ritrovano su Facebook.
Anticlericale, antisemita, inguaribile comunista ... ha suscitato polemiche feroci, così in contrasto con l’ eleganza misurata del suo stile. Ma Saramago sapeva come usare le parole e non aveva paura di farlo, qualunque fosse il prezzo da pagare. Era scrittore e dunque non poteva fare a meno di dire e raccontare.
Perchè la parola si facesse tovaglia da pane e coperta per il freddo.
Molti rimpiangeranno di scoprirlo solo adesso; consoliamoci con l’ eternità dei suoi arazzi e l' emozione suscitata dalla compassione dei suoi occhi.
gwenog - Mar Giu 22, 2010 10:54 am
Oggetto:
Bisogna ripetersi il monito di Saramago come un mantra, bisogna lottare affinché storia cultura e grandezza escano dalle ombre del passato... perché si fa presto a cancellarlo, il passato. Soprattutto in questo paese in cui veniamo quotidianamente lobotomizzati e privati di diritti fondamentali.
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB